L'istituzione

A Genova il mercato di titoli di credito ha origini che risalgono a molti secoli prima del periodo della dominazione napoleonica. I banchieri e i cambiatori si riunivano fin dal XIV secolo presso la Loggia di piazza dei Banchi, luogo che ospitò le contrattazioni fino alla fine del XVIII secolo.
L’istituzione di una Borsa di commercio voluta dalle autorità francesi fu a lungo avversata dal ceto mercantile genovese che riteneva più che sufficiente il mercato esistente in un periodo poco florido per l’economia cittadina.
Un primo regolamento della Borsa di Genova fu emanato nel 1839 ma l’istituzione ufficiale fu sancita con il regio decreto 18 agosto 1855 n.1020.
La Borsa valori di Genova, che venne separata dalla Borsa merci nel 1912, seguì nel XX secolo la trasformazione istituzionale delle altre borse italiane, dalla legge del 1913 alle riforme degli anni '90, fino a chiudere i battenti il 28 febbraio 1994, giorno dell’ultima chiamata alle grida del listino.

Il mercato
La piazza dei cambi genovese fu uno dei centri di...
Le sedi
Il luogo storico delle riunioni dei mercanti...